Isole Aran: un viaggio nel viaggio

E’ proprio così che mi sento di definire questa esperienza: “un viaggio nel viaggio” poiché seppur a poca distanza dalla città di Galway vi permetterà di ritrovarvi catapultati in un luogo magico.

Si tratta di un arcipelago di tre piccole isole, tranquillamente visitabili in una giornata:

* Inis Mòr, la più “grande” lunga 12 Km e larga 3 e la sola abitata

* Inis Meàin, l’isola di mezzo

* Inis Oirr, la più piccola, meno di 3 Km

Noi siamo stati sull’isola di Inis Mòr e possiamo confermare che sembra di essere nell’isola che non c’è: la natura incontaminata, prati verdi di muschio e colline che sembrano dipinte, un silenzio incredibile interrotto dal frastuono delle onde e dal vento che sempre soffia, e le tradizionali casette con il tetto in paglia.

Si giunge presso il porticciolo del villaggio di Kilronan, perfettamente tipico: negozietti, boutique dove comprare i maglioni di lana fatti a mano, B&B e qualche pub dove riscaldarsi con una calda zuppa o con una birra se non avrete freddo.

Girovagando nell’isola i paesaggi si alternano: scogliere, prati verdissimi, muretti a secco, spiagge e poi pecore, mucche e se siete fortunati anche qualche foca.

Raggiungete il forte di Dun Aengus: a picco sull’oceano è incredibile, selvaggio, emozionante. Vi potete “affacciare” sulle scogliere sdraiandovi a terra: confesso di esser stata terrorizzata dall’altezza e dalla forza delle onde che si infrangevano sotto di me e dalla forza del vento.

Questa piccola isola è un regalo che dovete assolutamente fare a voi stessi: un’emozione che non finirà mai, un ricordo indelebile che vi porterete sempre dietro, la più profonda conoscenza di un popolo e di una terra.

Informazioni utili

Come arrivare. Si può prendere il traghetto dal porto di Ros à Mhil (il tragitto dura un’ora) circa oppure da quello di Doolin (il tragitto dura circa 40 minuti).

Come muoversi. Non è possibile portare la propria auto, perciò vi dovete affidare ad uno dei diversi tour con minibus o ad un giro con calesse trainato da pony. Provate a trattare sul prezzo, specie se vi mettete d’accordo con altri turisti che arrivano con voi con il traghetto.

E’ possibile anche noleggiare una bicicletta e godere al massimo di questa esperienza, ma tenete conto delle condizioni meteo, come pioggia e vento freddo anche d’estate. Va bene, lo ammettiamo, noi abbiamo preso il minibus :)… 

Dove mangiare. Nella zona del piccolo porto si trovano alcuni locali. Oppure dirigetevi a Dun Aeghus e fate una sosta nel Teach Nan Phaidi: cottage con il tipico tetto in paglia dove potrete gustare piatti della tradizione irlandese, un’ottima birra e un’atmosfera calorosa.

Vi consigliamo di provare lo stufato Irish stew, le zuppe e la fish pie.

E di finire con un dolce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *