Atene: a spasso nella storia

In una delle più calde settimane di quest’estate, ci siamo ritrovati a passeggiare per questa storica capitale europea, riempiendoci gli occhi dei tanti resti archeologici che ad ogni angolo ci hanno accolto.

E’ stata la prima tappa del nostro on the road in Grecia, un primo assaggio di questo meraviglioso Paese.

Le opinioni sono discordanti, c’è chi la trova sporca, pericolosa, caotica e “ricoperta” di cemento. Il Paese sta uscendo dalla crisi iniziata nel 2010 e ciò si nota nei palazzi ancora abbandonati e nelle piazze che possono animarsi a causa delle manifestazioni.

Ma non lasciatevi spaventare, noi non abbiamo avuto nessuno spiacevole episodio. Certamente trattandosi di una metropoli di circa 4 milioni di abitanti le precauzioni non sono diverse da quelle di tante altre.

Gli Ateniesi sono un popolo caloroso, accogliente e gioioso: ve ne accorgerete passeggiando tra le viuzze e sedendovi in una delle numerose taverne.

Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta.

[Socrate]

Ma cosa visitare? La città è molto grande, ma due giorni possono bastare. E sicuramente la curiosità vi muoverà velocemente alla sua scoperta !

Dunque cominciamo!

Assistere al cambio della guardia del Parlamento greco

Nei pressi di Piazza Syntagma, di fronte alla Tomba del Milite Ignoto, due soldati (gli euzoni) indossano le tradizionali uniformi bianche e blu e ogni ora avviene il cambio della guardia, simbolico e tradizionale.

  P1090623

Passeggiate tra i quartiere Monastiraki e Plaka

Sono le zone più colorate e vivaci di Atene, ricche di negozi, turisti, botteghe e taverne. Perdetevi tra le tante viuzze caratteristiche e godete dell’atmosfera gioiosa che vi circonderà.

Piccolo segreto: la zona di Anafiotika

Adiacente alla Plaka, è caratterizzata da casette bianche in stile isole Cicladi! Una piccola oasi lontana dal caos turistico!

P1090643

Visitare l’Acropoli

Domina dall’alto tutta la città di Atene ed è sicuramente il “must do it“, il suo simbolo nel Mondo. Tantissimi i turisti che la visitano, ma questo non rovina la sua unicità che rimane intatta nonostante il continuo via vai di persone e guide.

P1090674 P1090649

Perciò avventuratevi lungo la salita verso la cima: la vera sfida, soprattutto nelle giornate di maggiore caldo!

Costo ingresso singolo 20 euro: non poco, ma bisogna pur far cassa visti i tempi…:)

Si può accedere dall’ingresso del Museo o da quello dei Propilei.

Il sito archeologico è molto ampio e non comprende soltanto il Partenone, sebbene lui è sicuramente il protagonista indiscusso: imponenti i Propilei, le colonne dell’ingresso all’Acropoli, e l’Eretteo il più grande tempio dorico greco con le famosissime Cariatidi.

P1090705

P1090733

E non perdetevi la sua bellezza notturna, quando i diversi fari illuminano il bianco marmo e lo rendono ancora più magico.

Assistere al tramonto dalla collina del Licabetto

Potete salire a piedi lungo la scalinata oppure utilizzare la teleferica (15 euro a/r). La vista è a 360° sull’intera città, gli occhi arrivano fino al Porto del Pireo. Sulla cima troverete un locale (abbastanza costoso) e la piccola chiesa ortodossa Agios Georgios.

P1090758

Usare la metropolitana

Costruita in occasione delle Olimpiadi del 2004, è moderna, pulita e organizzata. La fermata di Piazza Syntagma è ricca di reperti archeologici esposti.

Qualche ora di cultura nel Museo Archeologico di Atene

La struttura moderna che vi accoglierà all’ingresso nasconde in realtà alcuni dei tesori archeologici più importanti al Mondo. Vi basti pensare che proprio qui sono conservarti la testa di Zeus e la maschera d’oro di Agamennone (ritrovata a Micene).

Concedetevi una pausa in una delle taverne tradizionali e assaggiate più di un antipasto (meze).

Possiamo consigliarvi:

    • Taverna Tzitzikasmermigas: adiacente a Piazza Syntagma, in una zona turistica ma mantiene la sua autenticità. Ottimo il piatto di alici alla griglia (gavros).

    • Taverna Seychelles: un pò fuori dal centro storico, a 1 km dalla fermata metro Keramikos. Atmosfera genuina e semplice. Consigliato il piatto di seppia gigante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *