Rovigno: la prima volta in Croazia

Durante il nostro “lungo” weekend a Trieste e dintorni, siamo riusciti a ritagliare un pomeriggio per andare a Rovigno, in Croazia, a poco meno di 2 ore di auto.

Il tempo era stupendo, soleggiato e caldo e perciò non abbiamo resistito alla tentazione di visitare questa piccola città sul mare!

E la scelta è stata perfetta!! Rovigno ci ha lasciati a bocca aperta!

Leggendo di questa città avevo trovato più di una descrizione fatta attraverso i colori che essa possiede.

Ed è proprio così, quattro sono i colori che vi accolgono non appena arrivate.

Le strade sono lastricate di bianco, i tetti delle case sono rossi e poi il blu del mare ed il verde delle pinete che si arrampicano lungo la costa.

Un piccolo tesoro che mantiene intatto tutto il suo fascino.

Per seguire un itinerario vi consigliamo di iniziare dalla parte sud del lungomare e di salire fino alla Cattedrale di Sant’Eufemia.

Da qui la vista sarà a 360° gradi sulla città e sul mare circostante.

Riscendete poi percorrendo la via Grisia e perdetevi tra viuzze e le botteghe artigianali che vi si affacciano.

Consiglio pratico –> ricordate che in Croazia non c’è l’Euro e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è accettato molto facilmente. Di conseguenza, conviene munirsi di kune o cercare di pagare tutto con carta di credito, cosa non sempre possibile.

Ad esempio, per il parcheggio è consigliabile utilizzare quello sul lungomare a nord-est del centro, dotato di sbarre e cassa automatica che accetta le carte.

Come arrivare. Da Trieste attraverserete prima una piccola parte della Slovenia. E questa è la nota dolente: prendendo l’autostrada slovena, fino allo svincolo per la Croazia, si dovrà pagare una vignette di 15 euro almeno. E lo svincolo arriva 5 km dopo il confine italiano.

Dunque, arrivando dall’Italia, conviene prendere la statale parallela all’autostrada che si ricollega alla deviazione per la Croazia. Si tratta di una comoda stradina di montagna di una quindicina di chilometri, da percorrere in coda nei periodi di maggiore afflusso turistico a causa dei controlli alla frontiera (eh sì, la Croazia è nell’Unione, ma è fuori dall’accordo di Schengen).

Una volta superato il confine sloveno-croato, si imbocca facilmente l’autostrada. Seguite le indicazioni per Rovinj e in poco tempo sarete arrivati. L’autostrada croata è costata 32,00 HRK = 4,35 euro.

Dove mangiare. Numerosi i ristoranti di pesce, il centro storico è ricco di scelta! Noi quasi casualmente ci siamo fermati presso il Veli Joze vicino al porticciolo e non ce ne siamo pentiti.

E’ una graziosa Konoba, pittoresca, l’interno è arredato con vecchie foto di pescherecci, bussole, un telegrafo e altri vecchi utensili.

Abbiamo assaggiato un piatto di sardelle marinate, un’impepata di cozze e dei calamari alla griglia: tutto molto buono!

Prezzi assolutamente nella norma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *